Dipartimento di Giurisprudenza

Estudio General y Universidad Primaria Turritana A.D. 1632
Università degli Studi di Sassari

Tirocini del Dipartimento

Tirocini dei Corsi di laurea in Giurisprudenza e in Scienze dei servizi giuridici

Il tirocinio formativo curriculare consiste in un periodo di formazione e orientamento al lavoro, a completamento e/o integrazione del proprio percorso di studi;  è "un'attività che ha lo scopo di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell'ambito dei processi formativi e di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro" (D.M. 142 del 25/3/1998). Esso presenta due finalità essenziali:

  • una formativa, in quanto permette di approfondire, verificare e ampliare le nozioni ricevute durante il percorso di studio;
  • una orientativa, in quanto permette di entrare nel mondo del lavoro e di conoscere internamente la realtà e le dinamiche organizzative e lavorative, nonché di assumere maggiore consapevolezza delle proprie scelte professionali e quindi meglio definire il proprio progetto professionale.

Il tirocinio costituisce pertanto:

  • un’importante esperienza formativa ed un’occasione per applicare e verificare modelli e schemi concettuali appresi durante i corsi di studio;
  • un momento utile per constatare i propri interessi all’interno di uno specifico contesto lavorativo professionale;
  • una valida occasione per allacciare rapporti professionali preziosi. 

L'attivazione di tirocini formativi e di orientamento si inserisce nell'attuale quadro delle politiche della scuola e del mercato del lavoro, incentrate sui concetti di flessibilità e di alternanza scuola-lavoro. Si tratta infatti di modalità di formazione centrate sull'”imparare facendo”, sulla sperimentazione diretta del mondo del lavoro, sul contributo formativo che anche le imprese, gli enti pubblici, il terzo settore possono dare rendendo fruibile il proprio know-how di professionalità e tecnologie.

Il Dipartimento di Giurisprudenza promuove due tipologie di tirocini curriculari rivolti agli studenti e diretti a completare il periodo di studio per il conseguimento del titolo finale e favorendo un primo incontro con il mercato del lavoro:

  1. Tirocini con enti convenzionati;
  2. Tirocini con enti non convenzionati.

Procedura per l'attivazione 

  1. Per poter accedere all'attivazione di un tirocinio curriculare convenzionato, lo studente dovrà partecipare ai Bandi di selezione pubblicati sul sito nella sezione "Bandi". Tali selezioni vengono espletate in base alle richieste esplicitate dalle strutture/enti convenzionati con il Dipartimento. Sarà cura del Dipartimento analizzare le candidature pervenute e stilare la graduatoria da trasmettere all’ente convenzionato, il quale poi provvederà a contattare direttamente gli studenti e concordare con loro il periodo di inizio del tirocinio e le modalità di svolgimento. 
  2. Per poter accedere all'attivazione di un tirocinio curriculare non convenzionato, lo studente dovrà individuare una struttura/ente pubblico o privato disponibile all'accoglienza e formulare una richiesta di attivazione del tirocinio contenente la descrizione dell'attività che si intende svolgere durante il periodo di tirocinio, la durata del tirocinio e il periodo di svolgimento. Tale richiesta va accompagnata dalla dichiarazione di ospitalità del responsabile o tutor dell'azienda che accoglie, e che dovrà indicare l’ufficio o il settore nel quale lo studente verrà inserito, le mansioni che andrà a svolgere, la durata e il periodo di svolgimento del tirocinio. I due documenti, allegati al modulo riconoscimento crediti formativi universitari (allegato 1) (non è necessario applicare la marca da bollo da € 16,00) dovranno essere consegnati alla Segreteria didattica del Dipartimento di Giurisprudenza (stanza 3A) al fine di essere sottoposta al Consiglio di Dipartimento. Una volta che il Consiglio di Dipartimento avrà deliberato, lo studente insieme all’ente ospitante, potrà procedere alla compilazione del Progetto Formativo (allegato 2) e alla successiva attivazione del tirocinio.

Requisiti richiesti:

  • essere studente regolarmente iscritto ad uno dei corsi di laurea (triennale o Magistrale) attivati presso il Dipartimento di Giurisprudenza;
  • aver sostenuto, alla data di presentazione della domanda, gli esami di Istituzioni di Diritto Privato e Diritto Costituzionale (costituirà titolo di preferenza l'aver sostenuto gli esami di Diritto Penale e Procedura Penale).

Durata:
La durata massima di svolgimento del tirocinio è di dodici mesi, estensibile fino a ventiquattro nel caso si soggetti portatori di handicap.

Riconoscimento attività e assegnazione crediti :
Il tirocinio, valutato positivamente dai tutors, darà diritto all'acquisizione dei CFU richiesti nell'istanza (fino a un massimo di 13 CFU per il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza o 6 CFU per il corso di laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici) o di quelli previsti nel Bando. In ogni caso i crediti verranno calcolati sulla base del rapporto 1 CFU/25 ore. Lo svolgimento parziale del tirocinio non darà luogo all'assegnazione di CFU, salvo diversa delibera/autorizzazione da parte del Consiglio di Dipartimento.

Ai fini del riconoscimento dell’attività svolta, lo studente dovrà presentare apposita richiesta di Riconoscimento Crediti (allegato 1) (non è necessario applicare la marca da bollo da € 16,00), accompagnata dalla relazione finale redatta dallo studente e dalla relazione finale redatta dalla struttura ospitante. Entrambe le relazioni dovranno indicare l’ente o la struttura nella quale il tirocinio è stato svolto, il periodo di svolgimento, le mansioni e il numero di ore svolte, nonchè eventuali osservazioni e/o considerazioni personali sull’attività.  

SEMESTRE ANTICIPATO DI TIROCINIO PER L’ACCESSO ALLA PROFESSIONE FORENSE

L’art. 41, c. 6, lett. d della Legge n. 247/2012 (legge di riforma dell’ordinamento professionale forense) prevede, per gli studenti regolarmente iscritti all’ultimo anno del Corso di Laurea in Giurisprudenza, la facoltà di anticipare un semestre di tirocinio per l’accesso alla professione forense in costanza degli studi universitari e, comunque, prima del conseguimento del diploma di laurea.

Il tirocinio professionale consiste nell’addestramento, teorico e pratico, del praticante avvocato, finalizzato al conseguimento delle capacità necessarie per l’esercizio della professione di avvocato e per la gestione di uno studio legale e all’acquisizione dei principi etici e delle regole deontologiche della stessa professione.

CONDIZIONI PER LO SVOLGIMENTO ANTICIPATO DI UN SEMESTRE DI TIROCINIO

Può chiedere di essere ammesso all’anticipazione di un semestre di tirocinio, in costanza degli studi universitari e prima del conseguimento del diploma di laurea, lo studente che:

  1. sia iscritto all’ultimo anno del corso di laurea;
  2. abbia superato gli esami di profitto dei primi quattro anni del corso di laurea ed abbia ottenuto CFU nei seguenti settori scientifico-disciplinari:
  1. Diritto privato (IUS/01);
  2. Diritto processuale civile (IUS/15);
  3. Diritto penale (IUS/17);
  4. Diritto processuale penale (IUS/16);
  5. Diritto amministrativo (IUS/10);
  6. Diritto costituzionale (IUS/08);
  7. Diritto dell’Unione europea (IUS/14);
  1. goda del pieno esercizio dei diritti civili;
  2. non si trovi in una delle condizioni di incompatibilità di cui all'articolo 18 della legge;
  3. non sia sottoposto ad esecuzione di pene detentive, di misure cautelari o interdittive;
  4. non abbia riportato condanne per i reati di cui all'articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale e per quelli previsti dagli articoli 372, 373, 374, 374-bis, 377, 377-bis, 380 e 381 del codice penale;
  5. in caso di ammissione mantenga una condotta irreprensibile secondo i canoni previsti dal codice deontologico forense.

PROCEDURA PER L’ATTIVAZIONE

1. lo studente inoltra domanda di autorizzazione al Consiglio di Dipartimento;

2. il Dipartimento, in caso di istruttoria positiva della richiesta, rilascia allo studente l'attestazione che sancisca il possesso, da parte dello stesso, dei requisiti richiesti;

3. lo studente, con l'attestazione e il format del progetto formativo (allegato 1) si reca dall'avvocato prescelto per la redazione dello stesso progetto, nel quale si avrà cura di prevedere un inizio che sia successivo all'iscrizione dello studente al Registro dei Praticanti;

4. lo studente, con il progetto formativo compilato e firmato, presenta istanza al Consiglio dell'Ordine per l'iscrizione al Registro dei Praticanti;

5. lo studente viene iscritto e inizia la pratica.

DURATA

Il tirocinio può essere svolto per non più di sei mesi presso un avvocato iscritto all’ordine o presso l’Avvocatura dello Stato.

RICONOSCIMENTO ATTIVITA’ E ASSEGNAZIONE CREDITI

Al termine del periodo di tirocinio, il Consiglio dell’Ordine presso il quale lo stesso è compiuto rilascia il relativo certificato.

Sulla base di tale attestazione, lo studente avrà diritto all’acquisizione, in carriera, dei CFU richiesti nell’istanza di riconoscimento crediti (allegato 2), fino ad un massimo di 13 CFU.

Per informazioni Annalia Masala 079228890 anlmasala@uniss.it

Tirocinio Pratico Applicativo

Il Corso di laurea in Sicurezza e Cooperazione Internazionale prevede un Tirocinio formativo obbligatorio. Il Tirocinio è da considerare di importanza fondamentale nella preparazione teorico-pratica dei livelli professionali del Corso di laurea. Il Tirocinio formativo è finalizzato a creare un contatto diretto tra le aziende o gli enti ospitanti e i tirocinanti, allo scopo di favorire l’arricchimento del bagaglio di conoscenze, l’acquisizione di competenze professionali e l’inserimento lavorativo degli studenti.

Per svolgere il Tirocinio, gli studenti del Corso di laurea in Sicurezza e Cooperazione Internazionale potranno candidarsi presso una delle Sedi Partner convenzionate, oppure optare per una sede di propria scelta.

Si incentivano gli studenti a svolgere il proprio periodo di TIROCINIO ALL’ESTERO e ad individuare, proporre e contattare autonomamente le sedi, in quanto tutto il processo rappresenta un valido aiuto per la loro crescita personale e professionale.

Come procedere per lo svolgimento del tirocinio  

  1. Presentare presso la Direzione del Dipartimento di Giurisprudenza una DOMANDA per lo svolgimento del Tirocinio, utilizzando l’apposita modulistica. Nella domanda è indicato il nome del tutor, scelto tra i docenti del Corso di laurea, l'argomento del tirocinio, concordato d'intesa con il tutor, e la sede presso la quale si intende svolgere l'attività; quest'ultima può essere selezionata tra quelle già convenzionate con il Dipartimento (sedi convenzionate e partners), oppure scelta presso sedi non convenzionate. La domanda deve essere corredata dalla AUTOCERTIFICAZIONE degli esami sostenuti.
  2. Nel caso in cui lo studente intendesse svolgere il proprio Tirocinio presso una sede non convenzionata, egli potrà presentare alla Direzione del Dipartimento di Giurisprudenza una DOMANDA di convenzione per nuove Sedi Partner.
  3. Formulare un PROGETTO DI TIROCINIO, da elaborare congiuntamente ad opera dello studente e del tutor del Dipartimento.
  4. Attendere la valutazione positiva della domanda da parte della Commissione Tirocinio e l’approvazione del Consiglio del Corso di laurea in Sicurezza e Cooperazione Internazionale.

 

 Per informazioni: Fulvia Coda 079 228795 fcoda@uniss.it